TRADITION AND CONTEMPORANEITY IN MYANMAR (conference)

On September, 4th 2017, I held a conference titled “Tradition and contemporaneity in the out-of-time art from Myanmar” at Palazzo Madama in Torino (Italy) as part of the programs run within the exhibition “Cose dell’altro mondo” (Otherworldly Things, rough translation), which exhibits some antiques from Myanmar.

 

With the help of images, I presented to the audience the uniqueness of contemporary art from Myanmar, starting with a general overview of the country’s history, from Pyu civilization, through Mon, British rule and the dominion of the Bamar majority during the dictatorship era. Myanmar has a reputation for being a place where time has stopped and traditions are well alive. It’s during the decades of military rule, marked by censorship and oppression that several artists created a personal and inherently resisting kind of art, with almost no contact with the rest of the world.

 

With a limited time available, I was only able to display the works of few artists: Aung Myint, Khin Maung Yin, Win Pe, Mrat Lunn Htwann, San Minn, Htein Linn, Aung Ko, Nge Lay, Po Po, Chan Aye, Ma Ei, Phyu Mon, Moe Satt.

 

It’s a wide and general presentation, which I would be happy to share again if any art space or institution is interested.

 

Myanmar Palazzo Madama

palazzo-madama-whatsapp-image-2017-09-27-at-6-36-24-pm

 

Il 4 settembre 2017, ho tenuto una conferenza dal titolo “Tradizione e contemporaneità nell’arte fuori dal tempo del Myanmar” a Palazzo Madama a Torino, nell’ambito della mostra “Cose dell’altro mondo”, in cui erano esposti alcuni oggetti antichi dal Myanmar.

 

Con il supporto di fotografie, ho presentato l’unicità dell’arte contemporanea del Myanmar, partendo da un’introduzione generale alla storia del Paese, a partire dalla civiltà Pyu, passando per quella Mon, il dominio britannico e poi quello della maggioranza etnica Bamar durante il periodo dittatoriale. Il Myanmar è famoso per essere un luogo in cui il tempo si è fermato e le tradizioni sono rimaste vive. Durante i decenni del governo militare, segnato da censura e oppressione, molti artisti hanno creato un’arte personale e intrinsecamente di resistenza, senza quasi alcun contatto con il resto del mondo.

 

Nel tempo a disposizione ho potuto mostrare soltanto i lavori di alcuni artisti:  Khin Maung Yin, Win Pe, Aung Myint, San Minn, Htein Linn, Aung Ko, Nge Lay, Po Po, Phyu Mon, Chan Aye, Ma Ei, Mrat Lunn Htwann, Moe Satt.

 

Si tratta di una presentazione ampia e generale, che sono felice di riproporre in altri spazi artistici o istituzionali interessati.

 

External link to the event on Palazzo Madama’s website / Link esterno alla pagina dell’evento sul sito di Palazzo Madama: http://www.palazzomadamatorino.it/it/eventi-e-mostre/tradizione-e-contemporaneità-nellarte-fuori-dal-tempo-del-myanmar-conferenza